EmozioniLa parabola buddista che ci insegna qualcosa di importante per essere felici

21/08/2018 - 11h

Possiamo considerare alcune persone come "maestri" perché costruiscono un legame molto forte con noi, insegnandoci le lezioni che prenderemo per il resto della nostra vita.

La parabola buddista qui sotto mostra quanto possiamo imparare dai nostri simili e sottolinea che dobbiamo essere la nostra priorità, ma che non possiamo abbandonare l'empatia.

La leggenda narra che in un certo giorno un uomo si avvicinò a Buddha e gli sputò sul viso all'improvviso, senza nemmeno dirgli una parola.

L'atteggiamento dell'uomo ribellò i discepoli di Buddha, che dissero al loro maestro:

"Ci dia il permesso di dare a quest'uomo ciò che merita!"

Buddha, tuttavia, con tutta la sua saggezza, si asciugò pazientemente la faccia e disse al suo discepolo che preferiva affrontare la situazione a modo suo. Poi incrociò le mani in segno di rispetto e disse all'uomo,

"Grazie. Con il tuo atteggiamento, mi hai fatto capire che la rabbia mi ha lasciato. Quindi ti sono profondamente grato. Il tuo gesto ha anche mostrato che i miei discepoli possono ancora essere invasi dall'ira. Siamo tutti grati!"

L'uomo fu sorpreso dalla reazione del Buddha, non si aspettava davvero che lui reagisse in questo modo. Poi, il giorno dopo, preso dal senso di colpa e dal rimorso per il suo atteggiamento, tornò a Buddha per scusarsi. Ma lui ha semplicemente risposto:

"Non posso perdonarti, perché avresti dovuto irritarmi per questo, e non è mai successo."

Cosa possiamo imparare da questa parabola ?

Spesso vediamo l'atteggiamento di ignorare una persona come qualcosa di negativo, ma in realtà può anche essere un grande atto di amor proprio e di rispetto di sé, perché in questo modo non permetteremo agli atteggiamenti di un'altra persona di influenzarci negativamente, diminuendo la nostra felicità e qualità della vita.

A volte, dobbiamo imparare a ignorare certe persone, per il nostro bene.

Impara a ignorare queste 3 cose per migliorare la tua vita:

Recensioni negative, con l'obiettivo di farti del male piuttosto che aiutarti ad evolvere.

Atteggiamenti che possono danneggiare o interrompere il tuo equilibrio.

Tentativi di controllo e manipolazione attraverso sensi di colpa, "amore" o senso di responsabilità.

Cosa ne pensi della parabola? Lascia un commento qui sotto con la tua opinione!

Tags
parabolabuddistafelicitàinsegnamenticalmairaequilibroopinioneresponsabilitàequilibrioevolverebenemaledoveredanneggiareequilibriocolpamanipolazione