CuriositàI bambini non dicono che hanno bisogno di parlare con te, dicono "gioca con me"

05/04/2019 - 14h

Questo è tutto ciò che vogliamo per i nostri figli.

I bambini hanno un modo unico di comunicare con il mondo e le persone che li circondano. Sebbene si evolvano ogni giorno, spesso non sanno come utilizzare le parole giuste per esprimere i loro bisogni e desideri, e alla fine li dimostrano attraverso alcuni comportamenti particolari.

Pertanto, è molto importante che i genitori imparino a capire l'atteggiamento di ogni bambino e ciò che rivelano sulla qualità della vita che i bambini portano. Questa conoscenza è acquisita sia ascoltando persone più esperte sia trascorrendo del tempo con i bambini, dopotutto ognuno ha una personalità diversa e interpreta il mondo in un modo particolare.

Più tempo trascorri con tuo figlio, più impari ad agire e più profonda diventa la connessione tra te e lui. Le scoperte che farete insieme aiuteranno a rafforzare la relazione, il che porterà benefici inimmaginabili allo sviluppo del bambino.

Un bambino con i genitori presenti diventa un adulto sicuro, felice, fiducioso nelle proprie scelte. Questo è tutto ciò che vogliamo per i nostri figli.

Di seguito è riportato un resoconto di Lawrence Cohen, che spiega un importante atteggiamento dei bambini e cosa significa.

Dai un'occhiata:

"Mamma, giochi con me?"

All'età di sei anni, questo non è più necessario. Giocano a molti giochi, videogiochi e ci divertono insieme facendo cose come l'arte o la lettura.

Ma possiamo giocare?

Non è qualcosa che chiedono tanto quando iniziano a crescere.

Avevo ragione nel bel mezzo di una pulizia quando mi ha chiesto di suonare con lei e sapevo che dovevo interrompere quello che stavo facendo e darle la mia attenzione.

Perché quando un bambino ha bisogno di te, non dice "Ehi mamma, ho bisogno di parlarti. Ho bisogno di stare con te. Oggi è stata una giornata difficile."

Quello che lei dice è "gioca con me".

Questo è molto vero. Se sei un genitore, sai che trovano il proprio modo di comunicare ciò che accade nelle loro vite. Un altro grande esempio è l'ansia, i bambini non sanno riconoscere questo sentimento e così finiscono per descriverlo come "un mal di stomaco".

Hanno bisogno dell'attenzione e del tempo dei genitori. Non chiedono troppo, solo le basi in modo che possano soddisfare i loro bisogni. Anche uno scherzo può essere un momento di richiesta di attenzione, affetto e amore.

Prenditi del tempo per i tuoi figli e rendili persone migliori!

Tags
giocarebambiniparlareadulti
CONSIGLIATI