CuriositàKarma: siamo determinati dal nostro destino

20/01/2019 - 23h

Di solito sentire la gente dire che hanno un "cattivo karma", che sono  "segnati dal karma negativo"  o, peggio ancora, certo perché lo chiamano il karma e sarebbe qualcosa di simile alla destinazione predefinita.

È legato all'astrologia, a vari oroscopi o semplicemente a idee tratte dall'immaginazione popolare. È così vago, ma così diffuso, che tutti pensiamo di sapere di cosa stiamo parlando quando diciamo "karma", ma nessuno dei due lo capisce troppo.

Sarebbe conveniente esplorare il vero significato del concetto nel campo della  psicologia buddista , come insegnato dallo stesso Buddha: come la legge universale di causa ed effetto.

La parola Karma viene dal sanscrito e la parola usata al tempo del Buddha, nel linguaggio usato (Pali) era in realtà Kamma.

Questo concetto è stato creato da lui per descrivere  l'uscita dalla sofferenza , che è un prodotto non casuale ma di causalità.

Ricordate che la sofferenza è "mentalmente aggiunto" si aggiunge il dolore della nostra vita, cioè, quello che come  reazione psicologica  opporsi ciò che non possiamo controllare e genera disagio, disagio, incertezza, tra le altre cose.

Karma significa letteralmente azione: le nostre azioni sono la causa di ciò che sperimentiamo. Come dice William Hart: "Tutti gli esseri ereditano i loro atti, emanano dalle loro azioni, sono legati alle loro azioni,  siano essi vili o nobili: è così che saranno le loro vite ".

In altre parole, tutto ciò che troviamo nel percorso delle nostre vite è il risultato delle nostre azioni, siamo pienamente responsabili di ciò che dobbiamo vivere. Se le nostre azioni (compresi i pensieri) sono negative, disconnesse dalle nostre emozioni, produrranno sofferenza. Se, al contrario, le nostre azioni sono pure, impeccabili e c'è una piena connessione mente-cuore, saremo sicuramente molto più felici.

TRE TIPI DI AZIONI

Cerchiamo di chiarire qualcosa: il karma si riferisce, in realtà, a  "cosa facciamo con ciò che ci accade"  e non a ciò che "accade" a noi. Cioè, non ci esclude dal subire perdite, duelli, cambiamenti dolorosi e tutto il resto. Infatti, quando possiamo abbracciare con piena accettazione la nostra sofferenza di esseri umani vulnerabili, stiamo generando una catena causale di benessere e felicità. Quando reagiamo negando o lottando contro ciò che ci opprime o ci ferisce, stiamo generando una catena causale di disagio e sofferenza.

Non è triste per vedere forse quante persone sono catturati in piccole difficoltà quotidiane e disgrazie o scala negativamente emotivamente per un giorno? Questa azione piena di ignoranza porta inevitabilmente ad una  serie di esperienze che noi chiamiamo la sofferenza  e ci fanno sempre più infelice.

Tre tipi di azioni sono coinvolte nella creazione della causalità: fisica, verbale e mentale. Per il Dharmma o la legge della natura secondo il Buddha, quelli mentali sono i più importanti, dal momento che configurano l'  Intenzione , il vero fattore che determina la direzione delle nostre azioni. "Un chirurgo usa il suo bisturi", dice Hart, "per eseguire un'operazione urgente di vita o di fine che non riesce e il paziente muore; Un delinquente usa un coltello per ferire la sua vittima con pugnalate. Le azioni sono fisicamente simili, ma  mentalmente sono poli opposti . Il chirurgo agisce mobilitato dalla compassione, il delinquente portato dall'odio. "

Nella parola, l'intenzione è anche la chiave: ciò che dici sarà segnato dal profondo significato del tuo cuore. Puoi essere molto gentile ma ferito. Puoi essere un po 'maldestro ma causare tenerezza, se l'intenzione è nobile.

Il vero Karma quindi, è l'azione mentale, l'intenzione, ed è la causa che darà risultati nel futuro. Sulla base di questo, il Buddha ha annunciato:

"La mente precede tutti i fenomeni, la mente è ciò che conta di più.

La mente produce tutto.

Se con una mente impura parli o agisci

Allora la sofferenza ti segue,

Come la ruota della macchina segue l'impronta dell'animale unto.

Se parli o agisci con una mente pura,

Allora la felicità ti segue

Come un'ombra che non si separa mai "

CREA IL NOSTRO KARMA POSITIVO

Il modo per essere in grado di generare una catena causale felice, al fine di costruire una vita virtuosa, è  ridurre la reattività della nostra mente  e mantenere una nobile intenzione nelle nostre azioni.

La reazione è l'azione che si intensifica in ogni momento di fronte a diversi fattori di stress, rendendoci più vulnerabili. Lasciandolo è la responsabilità di ogni persona, e la pratica contemplativa che ci insegna a fermarci, fermarci e osservare con piena attenzione e cuore aperto è un ottimo modo in questo senso.

Allenare la mente per uscire dalla sofferenza e costruire  un'esistenza felice, felicemente causata, volutamente felice è nelle nostre mani. È meglio dire, nelle nostre menti.

Tags
karmadestinofuturo