CuriositàLa tua vita è un riflesso di ciò che credi di meritare

12/02/2019 - 18h

Per quanto crudele possa sembrare questa affermazione, in un primo momento, se facciamo un'attenta analisi delle aree della nostra vita e delle convinzioni emotive che portiamo con noi fin dall'infanzia, arriveremo a questa conclusione.

E perché dico questo?

Un frutto non cade lontano dall'albero. Guarda tutte le aree della tua vita (lavoro, amici, relazioni amorose, finanze, salute) ed esamina ciò che ti soddisfa e cosa no e, cosa più importante, perché ti piace o perché non ti piace.

Dopodiché, puoi prendere carta e penna e notare quali sentimenti hai nei confronti dei problemi più emergenti in ciascuna di queste aree, specialmente quelli in cui non ottieni i risultati che desideri.

Quali sentimenti emergono? Rabbia, paura, ingratitudine, disperazione, angoscia? O senti gioia, soddisfazione, piacere, tranquillità? I sentimenti e i pensieri sono proporzionali ai risultati; c'è una sorta di "formula" per questo.

Tutto nel tuo inconscio è responsabile di gran parte dei risultati che ottieni nella tua vita quotidiana. Il punto è che l'inconscio non è accessibile alla persona in modo obiettivo. È molto difficile riuscire a trovare, da solo, i veri motivi per cui non si ottengono i risultati desiderati.

Un esercizio che potrebbe essere d'aiuto sarebbe chiedere ad amici e familiari stretti come vedono obiettivamente il nostro comportamento su determinati argomenti o vicende.

Oltre a questo, cercare l'aiuto psicologico di un professionista qualificato è un'azione che può portare a risultati duraturi.

Questo circolo vizioso, tuttavia, di ottenere risultati che non vorresti, può diventare difficile da rompere, quando tutto ciò che fai è solo lamentarti e cercare aiuto, piuttosto che trovare una soluzione.

Non è un segreto per nessuno che se facciamo gli stessi sforzi usando le stesse strategie è impossibile ottenere risultati diversi. E tutta la biochimica cerebrale (i neurotrasmettitori) aiutano a mantenere i pattern ripetuti a meno che non si assuma oggettivamente un atteggiamento cosciente per rompere il modello vissuto fino a quel momento.

Realizza: 

I sentimenti e le convinzioni sono inconsce, sono costituiti fin dalla più tenera età, si solidificano con il passare degli anni, mentre passiamo attraverso esperienze che li rafforzano. L'attitudine al cambiamento deve essere prima cosciente.

Circondati di ciò che ti motiva a migliorare e rompere gli standard, e non rinunciare al primo segno di pigrizia, pessimismo. Sono meccanismi di auto-sabotaggio: la convinzione che non meriti risultati migliori e non hai modo di raggiungerli.

Quando dico che dovresti circondarti di ciò che ti motiva, parlo in ogni modo: avere un rapporto con persone che ne capiscano meglio di te, guardare documentari, film, leggere libri, andare a workshop e conferenze, tutto ciò che aggiunge al tuo sviluppo.

Ecco alcune domande: sei felice e soddisfatto della tua relazione? Sei allineato con i tuoi valori e principi?

E il tuo lavoro? Ti senti soddisfatto e in linea con ciò che vorresti per te, i tuoi valori e principi? Sei soddisfatto del tuo stipendio? E della tua salute?

Non accontentarti di nulla, la vita di chi aspira a grandi conquiste e va dietro a loro è senza dubbio più soddisfacente di quella di coloro che si accontentano della mediocrità.

Tags
vitariflessoamorelavoroamiciziaobiettivi