CuriositàLucifero, il malvagio preferito di Netflix

07/02/2019 - 22h

"Lucifer" è una serie televisiva creata da Tom Kapinos del 2016, quando ha debuttato sul canale Fox. La sua argomentazione è basata sul personaggio di HQ creato da Neil Gaiman e che si è rivelato essere lo spin-off dell'omonimo fumetto, scritto da Mike Carey.

La Fox ha annunciato la fine della serie dopo la terza stagione, ma il canale Netflix, grazie al suo grande successo con il pubblico, ha acquistato il copyright della saga, per produrre la 4ª stagione. Gran parte di questo successo è dovuto all'attore Tom Ellis, che ci presenta un Lucifero affascinante, intelligente, carismatico e umano.

È perfetto il rapporto tra lui e il personaggio Chloe, un detective con il quale finisce per lavorare, dopo aver lasciato il trono nel regno delle tenebre, per aiutare la polizia a svelare gli omicidi. Persino il poliziotto rende vulnerabile Lucifero, perché, accanto a lei, i suoi poteri scompaiono.

Entrambi si innamorano, ma, finora, non hanno consumato la passione, che accresce l'allegria dal lieto fine tra i due. Oltre alla prestazione squisita del protagonista, il successo della serie è dovuto al fatto che può farci riflettere su diverse questioni relative al bene e al male e alla sua innegabile relativizzazione.

È interessante osservare il re oscuro che si innamora e attraversa i dubbi e le sofferenze che gli esseri umani portano per tutta la vita. È interessante pensare ai pericoli che l'amore porta, rendendoci suscettibili alla sofferenza, oltre a vedere una divinità nella crisi esistenziale, sul divano della sua psicoterapeuta, Linda.

Per apprezzare le storie, tuttavia, è necessario entrare nell'umore umoristico della serie, senza confrontare i concetti televisivi con le credenze personali, poiché è una visione particolare e fittizia del diavolo.

Non c'è bisogno di interpretare nulla lì, alla luce della teologia, perché né l'intenzione degli episodi è questa. Le storie usano solo la figura di Lucifero per, in sostanza, mettere gli uomini stessi come responsabili delle loro azioni.

Lucifero chiarisce anche nella serie che gli uomini lo incolpano di ciò che ciascuno fa perché vuole farlo. L'inferno è semplicemente il risultato della colpa che gli umani portano dentro di sé, dice il personaggio, e possono anche andarsene se ci provano, ma il rimorso impedisce loro di evitare l'eterna punizione delle loro anime.

E questa è un'interpretazione interessante, in quanto ritengono le persone responsabili per quello che fanno, senza esonerarli dalle conseguenze di ciò che fanno nella loro vita. Ecco perché può essere estremamente divertente guardare la serie senza pretese.

Ci sono buone risate e interessanti riflessioni sul bene e il male in ognuno di noi e sulle punizioni che ci portano dentro, dopo tutto, nessuno può essere più implacabile con noi della nostra stessa coscienza, nemmeno Lucifero.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
attualitàserietvluciferangelotramacattivomalvagio