PensieriNon importa quanto gli altri ci amano, nessuno può salvarci da noi stessi!

27/03/2019 - 12h

A volte sembra che siamo bloccati in quei labirinti circensi in una piccola città. Quelli che hanno specchi magici che ci deformano. Alcuni ci fanno sembrare lunghi. Altri ci appiattiscono e ingrassano. Altri ancora fanno il busto due volte le dimensioni delle gambe.

E così, la nostra immagine esterna passa dalla modifica a seconda del riflesso che abbiamo di fronte. La cosa buona di questi specchi del circo è che sappiamo che è tutto uno scherzo.

Già i nostri specchi interni. Quanto possono essere crudeli! Gli specchi interiori ci imprigionano in dolori così antichi che persino la nostra memoria cosciente non può raggiungere.

Sono quelle punture della prima infanzia che ci hanno fatto credere che la nostra volontà fosse nulla, che le nostre paure fossero sciocche, che le nostre ferite fossero una bugia.

È in questi specchi interiori che viviamo, tatuati, la nostra lettura di noi stessi. Poiché eravamo deboli una o due volte, crediamo di essere decisamente deboli. Poiché a volte siamo stati crudeli, accettiamo la decisione finale di avere un cuore di pietra.

Dobbiamo imparare a lasciare andare l'eterna piccola colpa! Dobbiamo perdonarci l'un l'altro! Essere in grado di trasformarsi in qualcosa di più leggero e più facile da amare.

Dobbiamo capire che il nostro desiderio di affetto è pura mancanza. E questa mancanza ci fa vedere l'amore dove non esiste e il rifiuto dove non è mai esistito.

Abbiamo bisogno di aprire gli occhi dell'anima ferita per accettare che siamo fallibili e che tutto può essere rivisitato, sanato e trasmutato. Perché non importa quanto gli altri ci amano, nessuno può salvarci da noi stessi!

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisentimentiamoreamaresalvaremancanza