CuriositàUno studio scientifico dice che il cervello potrebbe continuare a funzionare dopo la fine 

18/02/2019 - 18h

Anche se ogni essere vivente deve attraversarlo, il decesso rimane per noi un mistero in molti modi. 

Poiché l'essere umano è consapevole che la sua esistenza è finita, è stato interessato a ciò che accade dopo che gli organi e i processi che ci tengono in vita cessano. 

La religione è stata a lungo incaricata di rispondere a queste domande, ma la scienza è stata anche interessata a ciò che accade dopo che il nostro cuore ha smesso di battere.

Questo è stato studiato nella School of Medicine di Langone, a New York, e i risultati del loro studio possono essere catalogati, almeno, inquietanti. 

I ricercatori, sulla base dei risultati, affermano che il cervello potrebbe continuare a lavorare dopo il decesso, anche abbastanza per essere consapevole della fine di se  stessi.

Il Dr. Sam Parnia è stato responsabile per lo studio dell'attività cerebrale per anni, e in questo studio si è concentrato su pazienti con arresto cardiaco che potrebbero essere rianimati. 

Molti di loro sono stati in grado di riprodurre conversazioni e descrivere scene accadute mentre il loro cuore si è fermato.

Ciò significherebbe che il cervello non si ferma immediatamente quando il cuore lo fa, ma che può continuare a ricevere informazioni per un po '. 

Dr. Parnia lo spiega nel modo seguente:

"Tecnicamente parlando, è così che ottieni il momento del decesso. Tutto è basato sul momento in cui il cuore si ferma"

Questo è il motivo per cui questo studio si basa principalmente sul tentativo di capire cosa provano le persone quando stanno morendo. 

Si tratta di cercare di scoprire cosa succede in quell'esperienza universale che tutti dovranno attraversare prima o dopo. 

I ricercatori dicono che i prossimi passi per continuare queste ricerche dovrebbero concentrarsi sul miglioramento modi per monitorare l'attività del cervello dopo l'arresto cardiaco, e migliorare le tecniche di rianimazione cardiopolmonare, che potrebbero prevenire i danni cerebrali durante il tempo necessario fuori questa rianimazione 

Sebbene i risultati possano sembrare inquietanti, non smettono di essere interessanti poiché tutti sono più o meno curiosi di ciò che ci attende dopo che siamo spirati. 

Di decessi  si sente spesso parlare in termini scaramantici, ma poco in modo scientifico. 

Peccato, perché farlo è consolatorio: dal punto di vista della sopravvivenza della specie, morire è vantaggioso, e necessario per il rinnovamento e l'evoluzione di piante e animali. 

Una specie, per avere successo, non ha particolari vantaggi dal mantenere l'assemblaggio di cellule somatiche già in vita. 

È un processo troppo costoso: meglio investire in organismi nuovi di zecca. 

Se passate un'analogia, è come investire in un'auto nuova anziché provare a riparare la stessa vettura già acciaccata. 

Morire permette una continua evoluzione, l'eternità invece immobilizza. 

Tags
reincarnazionevitadecesso